spacer.png, 0 kB

Chi è online

 324 visitatori online

Cerca

Utenti : 103
Contenuti : 199
Link web : 72
Tot. visite contenuti : 215883

Convenzioni

Banner

Edicola

Banner

Assicurazione Willis

Banner

Libreria GIUNTI

Banner

Master ON Line

Banner

Nursind In Italia

Banner

Le 10 Note

Banner

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB

Face FanBox or LikeBox


POLIZZA ASSICURATIVA OBBLIGATORIA PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 03 Marzo 2017 22:25

14 novit

Il giorno 28 febbraio u.s., è stato approvato il cosiddetto  DDL Gelli,  “Disposizioni in materia di sicurezza delle
cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti
le professioni sanitarie”
 
In estrema sintesi, si tratta della OBBLIGATORIETA' per tutto il personale sanitario (infermieri, ostetriche,
tecnici, ecc.) di avere una ASSICURAZIONE PROFESSIONALE.
 
 Al fine di evitare disagi, NurSind ha deciso di provvedere alla stipula per tutti i propri iscritti (a partire
dall'entrata in vigore della Legge prevista per il mese di Aprile),  di una ASSICURAZIONE PROFESSIONALE
con WILLIS.
 
La polizza prevede la copertura dei massimali di risarcimento previsti dalla legge e
 
 
una tutela legale di 10mila euro, raddoppiata rispetto alla attuale assicurazione Willis.
 
 
Il  risarcimento dell’eventuale danno include  una copertura sia nei confronti di persone e cose
 
 
(attrezzature) che atti amministrativi. 
 
Questa scelta, fa sì che ogni iscritto a NURSIND, non debba provvedere da solo a stipulare una polizza
 
 
e non debba più preoccuparsi di rinnovarla. Provvederà a tutto NurSind.
 
 
Per poter garantire questo, è necessario un adeguamento della quota di iscrizione, che passerà  a
11 euro mensili (x 12 mensilità) a partire dalla trattenuta del mese di Aprile.
Un piccolo adeguamento per un grande servizio.
 
Chi ha in scadenza la vecchia polizza Willis (di euro 42), può scegliere o meno di rinnovarla.
 
 
E' ovvio che non è necessario, dato che la nuova assicurazione ha sia una retroattività di 10 anni,
 
 
che una ultrattività (dopo essere andati in pensione) di 10 anni.
 
Con prossime comunicazioni cercheremo di entrare nel merito della questione, al momento era
prioritario informare tutti i colleghi della novità normativa e della opportunità offerta ai nostri iscritti. 
 
Ovviamente siamo a disposizione per ogni chiarimento del caso, per il quale potete contattare i  
delegati Nursind di ogni zona territoriale della Provincia di Lucca (V.d.S., Lu e Versilia),
che trovate a questo link: CONTATTI SEGRETERIA
Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Marzo 2017 22:47
 
28 MARZO CORSO DI FORMAZIONE A CASTELNUOVO GARF. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 03 Marzo 2017 21:52

 

FORMAZIONE CONTINUA

Si ricorda che NurSind Lucca è convenzionato con l’Agenzia Formativa Pegaso Lavoro,

che offre  corsi ECM Residenziali su tutto il territorio nazionale e corsi Fad.

 

Prossimo evento formativo previsto il giorno 28 marzo dalle h 8,30 alle h. 13,50

a  CASTELNUOVO GARFAGNANA,  

"Prevenzione e trattamento delle UdP, medicazioni avanzate

delle lesioni difficili"

GRATUITO  per gli iscritti NurSind della segreteria Prov. di Lucca - 7,4 ECM

Locandina corso   

Per uleriori informazioni ed iscrizione

collegarsi alla piattaforma

Pegaso lavoro

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Marzo 2017 22:24
 
SERVIZIO C.A.F. 2017 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 03 Marzo 2017 21:35
NurSind Informa
 
Si consiglia a tutti gli operatori di controllare la propria posizione previdenziale
(contributi versati annualmente a fini pensionistici dalla ns. ex Azienda USL all’INPS-Inpdap)
 data la recente normativa. Inoltre  risulterebbe, per  alcuni dipendenti,  posizioni previdenziali
incomplete o errate     ( mancanza di versamenti o erronei importi  versati).
A partire  dal mese di Marzo 2017, saranno a disposizione per gli iscritti NurSind della segreteria di
Lucca e provincia, oltre ai referenti sindacali, anche consulenti  previdenziali, presso la stanza sindacale
dei vari Presidi Ospedalieri di Lucca,  Valle del Serchio e della Versilia, come da seguente calendario.
0 - Per il Presidio Ospedaliero di Lucca : 
secondo mercoledì di ogni mese, dalle h 11 alle h. 14,00, presso la stanza sindacale n. 27,  (n.  telef. interno 4717)
ubicata al terzo piano della struttura Ospedaliera S. Luca
0 - Per il Presidio Ospedaliero della Valle del Serchio:
terzo giovedì di ogni mese, dalle h. 13 alle h. 16,  previo appuntamento telefonico con la referente,
Sig.ra Cara Donatella al n. 0583057473:
presso la stanza sindacale dello Stabilimento Ospedaliero S. Croce di Castelnuovo, ubicata a piano
terra nella palazzina ex cardiologia
presso la sala riunioni della Direzione Sanitaria dello Stabilimento Ospedaliero S. Francesco di Barga
0-  Per il Presidio Ospedaliero della Versilia:
quarto martedì   di ogni mese, dalle h. 14 alle h. 16, previo appuntamento telefonico con la referente,
Sig.ra Cara Donatella al n. 0583057473, presso la stanza sindacale , ubicata al piano primo (sopra la segreteria
della radiologia) nel  del Presidio Unico della Versilia
 
Si ricorda che, per gli iscritti NurSind,  la consulenza gratuita  del patronato ANMIL, include anche
informazioni e attivazione di  pratiche di ricongiunzione e riscatti previdenziali,   di malattia
professionale, di riconoscimenti e aggravamenti INAIL (infortuni) e compilazione modelli ISEE, oltre
alla consueta compilazione annuale del mod. 730 (nel mese di maggio)
 
Tale servizio in consulenza è fruibile  anche presso la sede AMNIL di Lucca, corso Garibaldi, n. 3,
(in prossimità dell’ingresso parcheggio “Caserma Mazzini”) dal lunedì al venerdì mattina, dalle h 8,30
alle h12,30 e martedì, mercoledi e giovedì pomeriggio dalle h. 15, alle h. 18,00 ,
previo appuntamento telefonico  con le referenti:
 
 Sig.ra Cara D. Tel. 0583 057473 per pratiche INPS 
Sig.ra Girardi S. Tel 0583 057470 per pratiche ISEE e 730
Sig.ra Rinaldi D. Tel. 0883 057471 per pratiche INAIL 
                                                                                               Il Direttivo Provinciale NurSind
Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Marzo 2017 21:48
 
COMUNICATO STAMPA 7 GENNAIO 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 08 Gennaio 2017 11:19
Nursind: "San Luca al collasso servono più posti letto e più personale"
 
sabato, 7 gennaio 2017, 17:49
 
"Anno nuovo, problemi vecchi. San Luca al collasso servono più posti letto e più personale".
Lo dichiara in una nota il direttivo provinciale di NurSind Lucca:
 
Il nuovo ospedale di Lucca è al collasso, qualcuno ha fatto male i conti sul numero dei posti letto necessari
a soddisfare le esigenze di salute della popolazione lucchese. Che il presidio ospedaliero di Lucca fosse limitato
nei posti letto per la degenza, è sempre stato chiaro e scritto nero su bianco da sempre, dal momento della sua
apertura. Sono trascorsi ormai 2 anni di caos in cui sono stati disattivati interi reparti e servizi, lasciati
inutilizzati interi settings di degenza per sopperire alla mancanza di personale ed anche questo nuovo anno
è iniziato subito all’insegna del disagio per chi sfortunatamente ha avuto bisogno di cure ed assistenza.
 
A cominciare dal caso dell’uomo a cui è esploso un petardo, che ha dovuto aspettare ore ed ore al Pronto Soccorso,
come del resto tutte le altre persone che purtroppo hanno dovuto subire e dovranno subire la stessa triste sorte di
attesa infinita. I posti letto sono troppo pochi, come lo abbiamo sempre dichiarato pubblicamente, in tutte le
circostanze formali e non. Ora, nel periodo invernale, dove si assiste ad una vera e propria epidemia
influenzale il caos regna sovrano. Infatti in tutti i settori ospedalieri si avverte un profondo disagio sia per
tutto il personale sanitario che per le persone bisognose di cure.
 
Si cercano disperatamente strategie “tampone” per garantire un posto letto, che spesso è introvabile,
mediante dimissioni precoci, mediante prolungamento dei tempi di permanenza presso il Pronto Soccorso ecc.
Sono mesi che abbiamo richiesto un intervento immediato dei vertici aziendali per risolvere la questione
drammatica del pronto soccorso di Lucca, in cui per carenza di posti letto ospedalieri si è allestito all’interno
dello stesso il fatidico “Destino”; uno pseudo settore di degenza in cui le persone attendono ore ed ore,
sopra delle barelle, un fantomatico posto letto nei reparti di destinazione. Già il nome assegnato a questo luogo (Destino),
in cui vi è una promiscuità di disciplina medica, chirurgica, promiscuità di età e di sesso, ci fa capire quali posso
essere le condizioni dei poveri malcapitati e degli scarsi operatori presenti, che pur cercando di soddisfare i
bisogni di salute delle persone presenti si ritrovano spesso a dover contenere episodi di ira e di aggressione.
 
Purtroppo quello che preoccupa maggiormente è che ormai tutto questo scenario sta diventando routine.
Il fenomeno “carenza posti letto” per mancata assunzione di personale sanitario è palese, come è palese che
presto l’azienda ricorrerà ad  un’ulteriore chiusura di ben 12 posti letto di medicina d’urgenza, come preannunciato,
per evitare di potenziare gli organici del personale.
 
Fino ad oggi è stato reclutato personale infermieristico e di supporto spostandolo da un servizio ad un altro o richiamandolo
continuamente in servizio durante il giorno di riposto ed infine si è giunti anche all’utilizzo dell’istituto di reperibilità,
anche in settori come medicina e chirurgia, ma nonostante questo, non si riesce a garantire la continuità dei servizi e
a soddisfare l’elevata richiesta di cura ed assistenza alle persone. Si rischia di non poter più lavorare in “sicurezza”, con ritmi
inverosimili, disumani. Purtroppo questo fenomeno si è esteso in tutti i settori ospedalieri e sta degenerando
vorticosamente e la stanchezza e lo stress sono compagni di turno per ogni operatore impegnato nell’assistenza e cura.
Durante il periodo invernale, come di consueto, la domanda di cura ed assistenza cresce esponenzialmente, non è una novità,
come non è una novità che la malattia influenzale colpisce inesorabilmente tutti, persone “fragili” e anche gli operatori sanitari.
 
Ma sembra che questo fenomeno ripetitivo non tocchi minimamente i vertici aziendali, che invece di programmare
strategie preventive si limitano ad affidarsi alla buona volontà ed iniziativa dettata dall’esperienza lavorativa acquisita in
anni e anni di duro lavoro di ogni singolo operatore. Ma si sa, che senza un’adeguata programmazione, quando il numero
degli operatori è già palesemente insufficiente da tempo, come si può far fronte a situazioni di emergenza sanitaria influenzale!!
 
Ringraziamo il Sindaco di Lucca per il suo intervento a favore del Pronto Soccorso, che, come ci ha riferito di recente,
si tratta di un problema comune a quasi tutti gli ospedali della ns. mega Azienda Nord Ovest e della regione Toscana.
Ci preme evidenziare che il Pronto Soccorso risulta essere la punta di un iceberg di un vasto problema sanitario, denominato
“CARENZA DI PERSONALE”. Sicuramente questo problema è facilmente visibile al Pronto Soccorso, essendo questa struttura
la porta di accesso all’ospedale, ma se ci si addentra nel presidio, è visibile anche in tutti i settori del ns. nosocomio:
degenze mediche e chirurgiche, terapia intensiva, sala operatoria ecc. ecc., dove neanche l’istituto della pronto disponibilità
può risolvere le criticità ed il disagio che si è venuto a creare visto che due letti di terapia intensiva, uno dei settori più delicati
di tutto l’ospedale, vengono aperti al
bisogno sempre a causa di carenza di personale. E’ arrivato il momento di risolvere veramente questo nodo che sta soffocando
la collettività; non è più sostenibile una strategia di “tamponamento”, di fare le “nozze con i fichi secchi”, a discapito
della qualità assistenziale e del personale stesso , ed in primis delle persone bisognose di cura e di assistenza.
 
Quando si parla di salute, il nostro bene più prezioso, tale diritto richiede una tutela a 360 gradi, da parte di tutti:
istituzioni, collegi, ordini, associazioni e cittadinanza.  Al fine di risolvere definitivamente questo disagio vissuto da
tutta la collettività afferente all’ex azienda usl 2 di Lucca, si chiede a gran voce la sostituzione di personale andato
in pensione, assente per lunghe malattie, aspettative, gravidanze ecc.. Inoltre chiediamo la stabilizzazione del personale
precario, che continua a girare come trottole per i vari settori clinici ed assistenziali.
Infine, ma non di minor importanza, si chiede che siano stabilmente aperti tutti i posti letto disponibili all’ospedale San Luca
e che venga assunto, dalle graduatorie in essere, il personale necessario a garantire una adeguata
assistenza e cura a tutte le persone bisognose. 
Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2017 11:32
 
INDENNITA' ACCESSORIE BUSTA PAGA DI DICEMBRE PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 19 Dicembre 2016 21:12

NurSind Informa

 


In merito alle mancate indennità accessorie , pronte disponibilità

ecc. sulla busta paga di dicembre, per i dipendenti della ex usl 2

Lucca, l'azienda, su richiesta sindacale, si è impegnata a rimediare

 

all'errore avvenuto mediante

 

l'emissione entro il 27 dicembre di una  busta paga

 

 integrativa che salderà tutte le voci omesse in precedenza.

                                                     

                                                   Il Direttivo Provinciale NurSind

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Dicembre 2016 21:26
 
Bandi corsi OSS A. USL Toscana N.O. PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 14 Dicembre 2016 23:55
Sono stati pubblicati sul sito dell’Azienda USL Toscana nord ovest
 
i nuovi bandi per la selezione dei partecipanti ai corsi, anno formativo
 
2016-2017, per il conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario (Oss)
 
con percorso abbreviato e con percorso intero di 1000 ore.
 
Per informazione e moduli di domanda collegarsi
 
Ultimo aggiornamento Giovedì 15 Dicembre 2016 00:05
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 26
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB